Choreo
04:29
Episode 67: Dance is a Drug – LaDibi in Berlin
dicembre 14, 2018
Play Video

LaDibi in Berlin

GUARDA IL VIDEO INTERO QUI SOTTO 😉

 

Lo sport fa bene. Benissimo!

Poi arrivi a 25 anni già dolorante tra agonismo, spettacoli, progetti artistici e tante ore di studio alle spalle e pensi… “Ma siamo sicuri?”

Poi sei fortunata e accumuli ancora altra esperienza, ancora tante, tante altre ore tra studio e ricerche e a 35 anni, cominci a rotolare per scendere dal letto e pensi… “Ma siamo proprio sicuri?”

Poi la fortuna continua ed ecco ancora altre splendide ore tra uno studio e l’altro, tra un palco e l’altro e ti scrocchia tutto, bacino e sterno compresi e pensi… “Mah!”

Eppure continui. Tutto, pur di trovare un accordo col Dolore fisico. Lui che non ti molla mai. Lui che ti ricorda tutte le volte che ti sei “iper stretchata”, tutte le volte che sei andata in iper estensione e tutte le iper estensioni che ti son rimaste e che ti sussurrano all’orecchio: “Ti ricordi quando hai fatto l’over split? E il ponte dell’altro giorno? Tiè! Allora beccati questo! E pure quest’altro!” E ti sveglia 200 volte in una sola notte manco fossi Papillon.

Ed è sempre Lui, il Dolore, che ti ricorda che ti sei sbeccata le creste dell’acetabolo, perché “non viene”, per te non esiste. L’over split doveva venirti. Ti sei schiacciata i dischi inter vertebrali perché il ponte non era abbastanza. No! Tu dovevi per forza arrotolarti tutta, manco fossi nata anguilla.

Allora cosa fai? Cerchi di diventare amica del tuo stesso Dolore. Gli parli. Gli paghi una vacanza, chissà che magari, svagandosi, non ti lasci sola per un po’. Anche solo qualche ora ti basterebbe per aver sollievo. Avrà altri amici oltre te con cui sfogarsi? Invece no. Lui rimane lì e ti guarda contorcerti di notte e ti sveglia per sport. Lo stesso Sport che fa taaanto bene!

Quindi continui. Rivedi il regime alimentare. Gluten free, lacto free, gusto free, ti mangeresti tutto quello che ti passa davanti, marito compreso. Poi il piano di allenamento, HIIT, isometria, movimento funzionale, calisthenics, pilates, yoga di tutti i tipi, il mind setting, le tue lastre, la tua vita, come ti pieghi, come ti “stretchi”, chi frequenti, medici e guru da strapazzo scappati dalla neuro e chi più ne ha più ne metta.

Tutto, pur di continuare. Allora provate a dirmi che la Danza non è una droga! 😉

 

 

… I miei speciali ringraziamenti per questo episodio vanno a Kaeshi Chai che mi ha invitata a danzare a Berlino e a Gudie che mi ha accettata al suo fantastico evento e a Indaco Bali, mia insegnante di Teatro che mi ha aiutata per questo pezzo… Compreso per la filastrocca che non volevo fare. Ragazze, mi avete fatto mettere il turbo per finire la soundtrack di questa act 😉 Love you!!! <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *